[VIDEO] La nascita di Internet? In una stanzetta dell’università della California nel 1969

Internet

Oggi quella stanzetta diventa un laboratorio/museo aperto al pubblico. Si partì con una telescrivente e un avo del router dai cui nel 1969 fu inviato il primo messaggio, fallito dopo 2 lettere 🙂

Quel 29 ottobre alle 22.30 Leonard Kleinrock e il suo team mandarono un messaggio alla Stanford University: doveva essere “log in” ma il sistema fallì dopo “lo”. Kleinrock ammette: «Non sapevamo cosa stavamo per fare. Non scattammo nemmeno una foto». L’unica menzione dell’esperimento che avrebbe cambiato il mondo è un trafiletto sul giornale scolastico…

La Hall 3420 Boelter dell’Università della California ospita quella che sembra una macchina da scrivere e un armadietto con qualche tasto elettronico. Eppure questo è il posto dove è nato internet e dove fu inviato il primo messaggio.

circ

ll 29 ottobre del 1969 alle 22.30 Leonard Kleinrock e il suo team mandarono un messaggio alla Stanford University: doveva essere “log in” ma il sistema fallì dopo le prime due lettere. Un’ora dopo ci riprovarono e il SDS Sigma 7 riuscì a mandarlo per intero.

Gli IMP (interface message processor, avi degli attuali router) divennero centinaia nel giro di dieci anni e così via. Purtroppo sono rimaste poche delle apparecchiature originali. Nel 2011 la stanza è tornata così com’era quarant’anni fa e oggi è diventata un laboratorio e può essere visitata.

imp

Kleinrock ammette: «Non sapevamo cosa stavamo per fare. Non scattammo nemmeno una foto». L’unica menzione dell’esperimento che avrebbe cambiato il mondo è un trafiletto sul giornale scolastico.

unico-trafiletto-sull-311905

Kleinrock già da studente, nel 1961-1962, aveva fatto una tesi per stabilire una teoria matematica per i pacchetti delle reti, accessibili da diversi luoghi contemporaneamente. Fu lui a dare vita ad Arpanet, la prima rete informatica mondiale. La ricerca fu commissionata dal Dipartimento della Difesa Statunitense, inizialmente per distribuire documenti accademici.

imp1

Fonte www.dagospia.com e www.dailymail.co.uk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *