Putty: uno strumento gratuito, semplice e potente per le funzioni Telnet

PuTTY permette di connettersi a un host remoto e avviare una sessione di comando. Nell’ultima versione si è arricchito del supporto a SSH-2.

Un tool di comunicazione interessante per sessioni Telnet è PuTTY. Si tratta di un software sviluppato dal programmatore Simon Tatham che svolge le medesime funzioni di Telnet ed integra anche un client SSH. Proprio recentemente è stato aggiornato alla versione 0.61, dopo una pausa di oltre 4 anni.

Il funzionamento è semplicissimo: basta lanciare PuTTY sulla macchina Windows/Unix, aprire una finestra per connettersi al sistema remoto, inserire nome utente e password, e poi si lavora esattamente come si farebbe sulla console del sistema remoto.

Nell’ultima versione di PuTTY è stato aggiunto il supporto per l’autenticazione SSH-2 ricorrendo a GSSAP e per i file contenenti le chiavi private, crittografate con l’algoritmo AES, di OpenSSH.

Ricordiamo che è un protocollo di rete SSH permette di stabilire una sessione remota cifrata attraverso l’utilizzo di un’interfaccia a riga di comando collegandosi ad un altro host di rete. Grazie all’impiego di SSH, diventa possibile amministrare una macchina in modalità remota senza che i dati in transito possano essere intercettati da un aggressore.

2 risposte a “Putty: uno strumento gratuito, semplice e potente per le funzioni Telnet”

  1. Tramite ssh è possibile creare dei tunnel http.
    sapresti farmi una rapida (o lunga come vien meglio) spiegazione di come passare su ssh la connessione web/mail/ftp?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *