Google avrebbe battuto Bing A Jeopardy, dice Wolfram

Stephen Wolfram, il fisico dietro l’answer engine Wolfram Alpha, ritiene che Google avrebbe battuto Bing in ogni concorso basato sulle domande di Jeopardy che è uno dei più famosi quiz americani, che ha fatto in qualche modo la storia della televisione d’oltreoceano ed è molto amato dal pubblico.

Wolfram ha preso un campione di domande di Jeopardy e lo ha dato in pasto ai motori di ricerca. Google ha dato il 69% di risposte corrette, battendo http://it.ask.com che ha totalizzato il 68% e Bing il 63%. … Per inserirla nel contesto, l’essere umano medio concorrente ottiene il 60% di risposte corrette, mentre il campione Ken Jennings ha un record di 79%. È interessante notare che Wikipedia è arrivato ultimo con il solo 23%. In due settimane, Watson computer IBM compete in Jeopardy contro due campioni umani con la speranza di batterli come fece IBM Deep Blue contro Garry Kasparov nel 1996.

Fonte: slashdot.org

Latest Computer News Egypt

Following events in Egypt on Twitter

Live From the Egyptian Revolution

Robert Fisk in Egypt: “Death throes of a dictatorship”

Egypt Cuts the Net, Net Fights Back

Communicate if Your Government Shuts Off Your Internet

Egypt Shut Down Its Net With a Series of Phone Calls

Egypt (photo): protesters face off water cannon in prayer (Updated)

The Twitterverse Responds to Protests in Egypt

Visualizing Egypt’s Internet Blackout [GRAPHIC]

YouTube, Flickr mostra l’escalation della violenza in Egitto

Mentre la maggior parte dell’Egitto si trova in un blackout di Internet e SMS in questo momento, il web ancora mostra al resto del mondo un quadro vivido e inquietante di quello che sta succedendo lì.

Fonti diverse sono state in grado di caricare immagini e video delle proteste e le reazioni della polizia che hanno sconvolto la nazione mediorientale. Le proteste anti-governative sono state messe in scena per forzare la cacciata dell’attuale presidente Hosni Mubarak, almeno sei persone sono state uccise nelle manifestazioni.

Mentre Twitter, Facebook e, infine, tutta la rete Internet sono stati bloccati all’interno del paese, siamo ancora stati in grado di ricevere gli aggiornamenti da cittadini e giornalisti professionisti in Egitto. Qui, abbiamo raccolto una collezione di video, per lo più spezzoni, pubblicato su YouTube, come pure qualche foto da Flickr stream Al Jazeera inglese.

Fonte: mashable.com

Il Bloggatore.com – Le notizie sull’informatica direttamente dal mondo dei blog!

Ma chi è questo bloggatore? Forse state immaginando un tizio grande 2 metri x 2 che blogga davanti ad un PC, divorando chili e chili di patatine e tutto quello che trova in cucina? E che quando entra in “fase digestiva” emette strani versi del tipo: “blog…. blog….”?

Beh, Il Bloggatore non è proprio questo, anche se noi ce l’immaginiamo più o meno così.

In realtà, si tratta di un aggregatore di feed on line, orientato a tutti quei blog che trattano argomenti legati al mondo dell’informatica! L’obiettivo fondamentale è la divulgazione e la diffusione di informazioni utili per gli appassionati di Linux, Windows, Mac, Sicurezza, Grafica, ecc.!

Leggi tutto “Il Bloggatore.com – Le notizie sull’informatica direttamente dal mondo dei blog!”

FratelloGeek: Blog geek dedicato ai veri appassionati tecnologici

Oggi vogliamo portare alla vostra attenzione un simpatico e intuitivo blog geek che in meno di un anno sta spopolando sul Web.

Si tratta di FratelloGeek, nato a Marzo dell’anno 2010, e si pone come principale obiettivo, quello di fornire una guida semplice e sicura su tutto ciò che c’è da sapere sull’universo informatico e tecnologico.

All’interno del sito di FratelloGeek è possibile trovare articoli che prendono in esame i software gratuiti più funzionali e all’avanguardia, guide all’installazione dei programmi più utilizzati, servizi online più ricercati, trucchi per ottimizzare e/o velocizzare il sistema operativo e, sono inoltre trattate, notizie di interesse comune o di innovazioni tecnologiche.

Il tutto viene servito con una facile navigazione, con una semplice consultazione e con uno stile in continua evoluzione.

Potrete trovare anche un utile form per i contatti in cui ognuno potrà rivolgere tutti gli interrogativi a cui si desidera ricevere risposta.

Insomma, FratelloGeek rivoluzionerà completamente il tuo modo di vedere il web!

Visita FratelloGeek e vedrai: non rimarrai assolutamente deluso!

Auguri di un Buon Anno 2011 con i 10 articoli più letti del 2010

Nel 2010 per alcuni mesi ho trascurato il blog per mancanza di tempo, però da quando ho ripreso a curarlo dall’inizio del mese di dicembre scrivendo un articolo al giorno le visite in questi 31 giorni sono arrivate a 2000 pagine viste con 1300 visite uniche. Continuatemi a seguirmi perché nel 2011 ci saranno tantissime novità come nuovi programmi che sto realizzando e che saranno pubblicati nella pagina software, guide e manuali. Adesso però vediamo quali sono stati gli articoli più letti del 2010:

Leggi tutto “Auguri di un Buon Anno 2011 con i 10 articoli più letti del 2010”

Facebook: il film “The Social Network” è candidato a 6 Golden Globes Compreso “Best Picture”

Facebook: il film the-social-network candidato a 6 golden globe compreso il miglior film

Il film è stato nominato per sei Golden Globe, tra cui Miglior Film e Miglior Attore (Jesse Eisenberg per la sua interpretazione di Mark Zuckerberg). Il film ha raccolto nomination per miglior attore non protagonista (Andrew Garfield come Eduardo Saverin), Miglior regista (David Fincher), miglior sceneggiatura (Aaron Sorkin) e Miglior Colonna Sonora Originale (Trent Reznor e Atticus Ross).

Il film è già stato premiato come Miglior Film dal New York Film Critics Online, The Boston Society of Film Critics e il Los Angeles Film Critics Association. L’onore più prestigioso di tutti – Gli Academy Awards – annunceranno le loro candidature a gennaio. Al di là dei riconoscimenti, il film è stato un successo commerciale per la Columbia Pictures, incassando 184 milioni di dollari con un costo di 50 milioni. Il marketing oltre le normali campagne ha coinvolto anche i social media e i social network come Mashable.

Io l’ho visto e sinceramente a parte alcune scene carine riguardanti i programmatori come me non mi sembra tutto questo capolavoro da Oscar voi cosa dite?

Nel regno di Google con i geni della rete

Nel campus di Mountain View è nato il miracolo del portale. Qui novemila persone di tutte le nazionalità lavorano al sito che raccoglie le “domande” del mondo tra palestre, caffé, asili per i figli dei dipendenti.

L’uomo che raccoglie tutte le domande del mondo arriva in ufficio alle 9.30, si siede alla scrivania della stanzetta al secondo piano del GooglePlex che divide con altri due formidabili geni – questo ha inventato Google News, quest’altro ha riscritto l’algoritmo dei miracoli – e per prima cosa apre la mail. E qui cominciano subito i problemi. Che farebbero impazzire chiunque tranne questo ingegnere di Bangalore che in Silicon Valley ha trovato davvero l’America. “Scorro la lista di tutto quello che non va e mi metto al lavoro” dice Ben Gomes. “In fondo la cosa più interessante di questo mestiere è che ogni giorno c’è qualcosa di interessante… “.

Clicca qui per leggere l’intero articolo di ANGELO AQUARO su repubblica.it

Wikileaks: ultime notizie

In questi giorni dopo la pubblicazione dei documenti da parte di wikileaks tutti i governi coinvolti hanno condannato il gesto dichiarandolo fuorilegge e criminale, secondo me dimenticandosi degli articoli 18-21 della Dichiarazione universale dei diritti umani che sanciscono le cosiddette “libertà costituzionali”, quali libertà di pensiero, opinione, fede e coscienza, parola, associazione pacifica dell’individuo.

Sopratutto sotto la pressione del governo statunitense i principali fornitori dei servizi informatici a wikileaks come Amazon, Tableau Software
, EveryDns.com, PayPal.com, PostFinance.ch
, MasterCard e Visa Europe
 hanno stracciato i contratti e chiuso ogni rapporto con wikileaks.

Per capire le ragioni di queste aziende vi consiglio di leggere l’articolo di Alessandro Gilioli su piovono rane: Le sette sorelle contro la libertà.

Dopo qualche giorno che queste aziende hanno boicottato wikileaks sono partiti tutta una serie di attacchi da parte di gruppi hacker che hanno protestato alla loro maniera effettuando attacchi DDOS alle aziende incriminate. Invece di occupare piazze o strade per fare sentire la propria protesta hanno occupato piazze e strade digitali per far sentire le proprie ragioni.

Per effettuari questi attacchi hanno usato un software che si chiama LOIC e se volete capire cosa è successo tecnicamente vi consiglio di leggere l’articolo di Matteo Campofiorit su bufferoverflow.it.

Voi cosa ne pensate?

Amazon: nascono nuovi servizi

Soltanto pochi giorni dopo essere stata nell’occhio del ciclone per aver sottratto a Wikileaks il supporto dei propri server, Amazon torna a parlare del proprio Amazon Web Service annunciando un servizio DNS che va ad accompagnare le precedenti offerte cloud del gruppo. Il tutto sotto il nome di Route 53. Per leggere l’intero articolo cliccate qui.

Lo shopping abbraccia i Wiki. O meglio, ci si tuffa in maniera decisa, grazie ad uno dei colossi degli acquisti online e ad una idea originale: Shopping Enabled Wikipedia Pages è il nome dato da Amazon al nuovo progetto nato per arricchire i contenuti dell’enciclopedia aperta più famosa al mondo con link utili per l’acquisto dei prodotti citati. Per leggere l’intero articolo cliccate qui.

Fonte: webnews.it

Le 9 funzioni più attese in Gingerbread Android 2.3

1. Video chat
“Forse il punto forte (che possiamo confermare finora),” ha detto Quentyn Kennemer a Phandroid.com, “sarà il supporto per le chat video utilizzando gli stessi protocolli della video chat di Google Talk”. Ora, Google può cercare di convincere i produttori di hardware e smartphone di mettere una fotocamera sulla parte anteriore dei terminali.

2. Streaming di musica dai computer di casa
Gli utenti saranno in grado di riprodurre musica in streaming dal proprio computer di casa per i loro dispositivi, secondo quanto ha detto Marin Perez a IntoMobile.com. I dettagli su come realizzeranno questo sono approssimativi, ma Google ha acquistato una società denominata Simplify Media, e sempre secondo Perez, Google “utilizzerà questa tecnologia per consentire la trasmissione in streaming di tutta la tua musica non protetta al vostro Android”. Google ha dato uno sneak peak di questa funzionalità in maggio.

3. Android Market Music Store
Per gli utenti che non dispongono di terabyte di musica a casa per lo streaming, l’Android Market offrirà anche la musica. “Una cosa interessante,” ha bloggato Perez, “è che Google ha detto che il mercato sarà molto di più che applicazioni, in quanto sarete presto in grado di acquistare musica da esso”.

4. Google TV
Google possiede YouTube. “Lean Back”è una versione di YouTube che si apre in modalità a schermo pieno con il gioco continua e annunci. Gli speculatori prevedono che Gingerbread potrà usufruire di YouTube Lean Back “funzionalità” per i video di YouTube, così come l’integrazione con il servizio TV di Google.

5. Nuova interfaccia utente
Il lato più critico di Android è l’interfaccia utente (UI), ancora troppo goffa. Ogni versione di Android ha tentato di affrontare questi problemi dell’interfaccia utente e Gingerbread dovrebbe seguire questa tendenza. In realtà, pan di zenzero dovrebbe avere una nuova interfaccia utente più pulita, più fluida e con le icone ridisegnate. Le applicazioni saranno più integrate nel sistema operativo. Kennemer ha detto che l’applicazione YouTube sarà uno dei primi ad ottenere questo nuovo trattamento.

6. Voice Over WIFI
Se le voci sono vere, Google ha aggiunto il protocollo (SIP) nella sua applicazione Google Voice per consentire agli utenti di ricevere le chiamate verso i loro numeri di Google Voice over Wi-Fi e dal cellulare. Questa potrebbe essere una funzionalità interessante per gli utenti di Android che non hanno un piano voce con un operatore di telefonia cellulare.

7. Miglioramento Copia e Incolla
Chiunque possieda un Droid sa che il copia e incolla è un po primitivo. In Android 2.3 promettono (non si sa come) di migliorarlo notevolmente.

8. WebM
E ‘previsto che Google includa un contenitore di video open source in formato WebM in Gingerbread. Google ha acquistatoOn2 Technologies all’inizio del 2010 e con essa hanno ottenuto la VP8 formato di compressione video aperto e open source. Nel mese di maggio, la società ha lanciato il Progetto WebM nel tentativo di imporre VP8 come codec di default HTML5. È logico che Android potrà usufruire di WebM e VP8.

9. Nuovo animazione per “Off Screen”

Fonte: developer.com

Google Wave ha fallito

Dall’inizio della sua presentazione non capivo l’utilità di Google Wave e cosa avrebbe portato di nuovo al mondo hi-tech e del web 2.0

Oggi finalmente la stessa azienda ha ammesso il fallimento e la chiusura del progetto, come vedete anche un azienda vincente come Google sbaglia.

Le ultime notizie dicono che stia preparando un progetto concorrenziale a facebook, vi faccio la mia previsione, anche qui perderà perchè facebook è troppo avanti ed ha raggiunto un successo enorme non ripetibile.

Vale la regola di buon senso che chi ha l’intuizione giusta e la sviluppa prima degli altri vince.
Per fare un esempio vincente di Google il motore di ricerca ha vinto su tutti perchè in anticipo e con Microsoft-Bing che rincorre con molta fatica.

Il pc di Mani pulite nel museo della scienza

Il pc di Mani pulite nel museo della scienza
Il pc di Mani pulite nel museo della scienza

Alla fine, il computer di Mani pulite è stato acquistato dal Museo della scienza e della tecnologia di Milano. La macchina, costata nel 1992 circa 20,3 milioni di lire, contiene in un migliaio di file ogni singola parola spesa dai protagonisti di Tangentopoli interrogati nella famosa stanza 253 della Procura. Al momento, il computer è stato inserito nella collezione del museo composta da circa 12mila oggetti.

Si tratta, ha spiegato Laura Ronzon, direttore dello sviluppo del patrimonio storico, “di un patrimonio che in generale non è considerato ancora come un bene culturale quale è, ma qualcosa di obsoleto che viene eliminato”. Nel caso del computer di Mani Pulite si tratterebbe invece di “un bene che ha il valore storico e sociale nell’ambito di cui è stato protagonista, perché è il simbolo di un cambiamento nell’utilizzo dell’informatica nel settore della giustizia che grazie a questa macchina è entrata in un’aula di tribunale, in un processo che ha fatto la storia”.