VideoCorso online di Programmazione Java

logo java

Si conclude con la decima lezione il Corso Base di Programmazione in Java che è stato un lungo cammino da Ottobre che mi ha permesso di incontrare e dialogare con tante persone fantastiche, potete vedere tutte le lezioni sul mio Canale Youtube. Per qualsiasi informazione contattatemi tramite la mia pagina dei Contatti.

Guida Java di Html.it che ho usato come base di riferimento ma naturalmente su Google trovate una marea di materiale

Guida Java sempre su Html.it ma più completa e più aggiornata di Francesca Tosi

Cliccate qui per scarica il Codice sorgente del gestionale realizzato nell’ultima lezione

VideoCorso Imparare a programmare in Java

Buon divertimento e ricordate sempre the code is poetry cioè il codice è Poesia

Grazie a VB6 diventammo tutti programmatori


Dopo l’uscita di Windows 95, uscì Visual Studio 6, una suite software che conteneva tantissimi tool di sviluppo, tra i quali MSVC++, Visual InterDev e quindi Visual Basic 6, che permise la scrittura di una moltitudine di programmi Client/Server in quel periodo.


Di fatto, non è la prima volta che il successo di un sistema operativo lo fece una tecnologia di sviluppo, ma sicuramente questo è il caso scuola, dove il successo di Windows 95 e Windows NT 4.0, venne reso tale in buona parte da questo linguaggio.


Il Basic ha radici lontane, venne creato dai tempi dell’Altair, appunto L’Altair Basic (scritto da Bill Gates e Paul Allen) nel 1975 e fu il primo linguaggio di programmazione sviluppato per un personal computer.

NVIDIA GeForce RTX 3000: in Cina scoperti centinaia di laptop usati per mining di criptovalute

Bitcoin

La mania del mining di criptovalute a quanto pare non finisce: è stata scoperta una nuova fabbrica di mining, questa volta in Cina. Le foto trapelate in rete mostrano centinaia di laptop identici con schede grafiche NVIDIA GeForce RTX 3000 Ampere.

Vedere un impianto di mining fatto di centinaia di notebook in azione è tanto interessante quanto spiacevole per i giocatori. Quest’ultimo principalmente perché l’interesse aggiuntivo dei miner rende potenzialmente più difficile entrare in possesso di notebook con un RTX 3000, come è avvenuto per mesi con i modelli desktop. C’erano già segni di interesse da parte dei miner i giorni passati: ad esempio, come abbiamo riportato recentemente a Teheran è andata via la luce in seguito ad un uso massiccio di energia causata dal mining di criptovalute.

Fonte: https://www.eurogamer.it/articles/2021-02-11-news-videogiochi-nvidia-geforce-rtx-3000-cina-scoperti-centinaia-laptop-usati-mining-criptovaluta

VS Code: l’arma segreta di Microsoft per lo sviluppo del software

Microsoft Visual Studio Code

L’editor di codice Microsoft Visual Studio Code (VS Code) ha solo cinque anni, ma lo strumento ha ottenuto un’adozione impressionante dalla popolazione mondiale di sviluppatori.

VS Code oggi ha 14 milioni di utenti, riferisce Microsoft (mentre Statista riferisce che ce ne sono 24 milioni) e ha guadagnato cinque milioni di nuovi utenti nel corso del 2020 a causa di una crescente varietà di utenti, oltre agli sviluppatori professionisti e alla necessità di sviluppo remoto durante la pandemia COVID-19.

Il suo successo è stato costruito su GitHub, Electron, Chromium, JavaScript e sul superset JavaScript di Microsoft, TypeScript. VS Code funziona su macOS, Windows 10 e più distribuzioni di Linux, supporta Arm64 su Linux e funziona su Raspberry Pi e Chromebook. È anche disponibile in formato di anteprima per build insider di VS Code sui chip M1.

Fonte: https://www.zdnet.com/google-amp/article/visual-studio-code-how-microsofts-any-os-any-programming-language-any-software-plan-is-paying-off/

Un ricercatore ha bucato Microsoft, Apple, PayPal, Shopify, Netflix, Yelp, Tesla e Uber. Ecco come ha fatto

Un ricercatore ha bucato Microsoft, Apple, PayPal, Shopify, Netflix, Yelp, Tesla e Uber. Ecco come ha fatto

Un problema strutturale nella gestione delle librerie opensource mette in grave rischio tutto il mondo della programmazione. Uno sviluppatore ha bucato (senza danni) decine di aziende enormi, e ora vi spieghiamo come ha fatto

La storia del ricercatore di sicurezza Alex Birsan merita di essere raccontata, perché l’hacker buono ha trovato un modo semplice e facile per accedere ai server delle più grandi aziende del mondo. Non un vero e proprio hack, perché alla fine il ricercatore ha semplicemente messo in luce una falla di design dei sistemi opensource usati ormai da tutte le più grandi aziende che scrivono software. Per il suo contributo si è aggiudicato 130.000$ di ricompense.

Fonte: https://www.dday.it/redazione/38498/uno-ricercatore-ha-bucato-microsoft-apple-paypal-shopify-netflix-yelp-tesla-e-uber-ecco-come-ha-fatto

La resistenza del COBOL: perché un linguaggio di programmazione che ha 60 anni è ancora richiesto

E’ una rarità nel mondo della tecnologia che qualcosa duri più di pochi anni, figuriamoci sei decenni come nel caso del linguaggio di programmazione COBOL. Vediamo perché questo linguaggio è ancora così importante e se svanirà presto.

Nel regno della tecnologia, una cosa che potrebbe generalmente essere considerata una regola è che le cose cambiano costantemente. L’innovazione, specialmente nell’era del cloud, è costantemente in atto e difficile da tenere traccia, poiché una tendenza sposta l’ultima in un gioco sempre più veloce di salto tecnologico. Questo è altrettanto vero quando si tratta di sviluppo software, poiché le software house oramai immerse nel cloud inseguono pipeline CI / CD senza soluzione di continuità, DevOps e pratiche di sviluppo agili.

A contrastare questa tendenza, tuttavia, è il linguaggio di programmazione COBOL, che, nonostante sia stato sviluppato alla fine degli anni ’50, svolge ancora un ruolo fondamentale per molte organizzazioni che eseguono applicazioni aziendali legacy basate su transazioni. Questo linguaggio è ancora molto pervasivo, al punto che ogni tanto saltano fuori notizie che testimoniano la sua esistenza all’interno di sistemi business-critical, evidenziando i vari problemi che il codice COBOL presenta a organizzazioni e sviluppatori.

La permanenza di COBOL è stata all’ordine del giorno di recente poiché la pandemia di Coronavirus mette a dura prova un’ampia gamma di infrastrutture IT. Il linguaggio di programmazione è stato uno dei problemi principali nel programma di stimolo CARES da 2,2 trilioni di dollari del governo degli Stati Uniti e nell’ambito dell’elaborazione di un aumento delle richieste di disoccupazione, con le agenzie statali che incolpano COBOL dei ritardi nell’erogazione degli assegni e in particolare la mancanza di talenti disponibili (che spesso è un vero punto critico). IBM ha anche cercato di risolvere questo problema collaborando con Open Mainframe Project della Linux Foundation lanciando un programma di formazione COBOL gratuito e un forum tecnico che consentisse ai programmatori COBOL di fornire consulenza e competenze gratuite durante l’epidemia.

Anche se questo può sembrare un quadro di un vecchio linguaggio senza speranza che soffoca inutilmente l’innovazione, la presenza del COBOL è più sfumata di quanto possa sembrare. Ci sono molti fattori rilevanti che contribuiscono al motivo per cui le organizzazioni potrebbero voler mantenere COBOL in giro e non è così semplice come sventrarlo e mandarlo nell’oblio. Anche se questo non vuol dire che non ci siano problemi seri con questo linguaggio – e la cultura che la circonda – che devono essere affrontati.

Leggi tutto “La resistenza del COBOL: perché un linguaggio di programmazione che ha 60 anni è ancora richiesto”

“Hello World” in 20 Linguaggi di Programmazione

Ci sono così tanti linguaggi di programmazione che possiamo imparare per sviluppare molte cose come siti web, app per smartphone o addirittura sviluppare un sistema operativo come Linux.

Indipendentemente dal linguaggio che impari, tuttavia, inizierai dalla base con “Hello World”. “Hello World” è stato comunemente usato per mostrare la sintassi più basilare in un linguaggio di programmazione. Vediamo come la sintassi di base viene scritta in diversi linguaggi come C, C ++, C #, così come in alcuni linguaggi moderni come Kotlin e Swift.

Clicca sul link per continuare 🙂

https://www.hongkiat.com/blog/hello-world-different-programming-languages/